CONDIVIDI
buttare giù pancetta

La ricerca arriva da una scienziata italiana e ci da finalmente qualcuno da maledire quando la pancetta comincia a svilupparsi e non accenna a calare. A quanto pare infatti, il grasso accumulato sull’addome è causato da un gruppo di batteri intestinali e dalla loro interazione basata anche sulla dieta dell’individuo.

La scoperta viene resa nota sulla rivista Nature Genetics e potrebbe davvero rivoluzionare il mondo delle diete, rendendo possibile lo sviluppo di diete personalizzate e basata sulla flora batterica personale, in modo tale da favorire una corretta attività intestinale capace di contrastare l’accumulo di grassi nella zona addominale.

Lo studio è condotto da Cristina Menni sotto il King’s College di Londra. Parlando alle pagine di Ansa, la ricercatrice ha spiegato: “la nostra ricerca – che per la prima volta ha analizzato le sostanze chimiche prodotte dai batteri nell’intestino, i cosiddetti metaboliti misurabili nei campioni fecali dei pazienti – ha consentito di identificare quali di queste molecole in particolare si associano ad accumulo di grasso sulla pancia”.

Quello identificato pare un preciso mix di molecole prodotte dai batteri intestinali.

“Abbiamo visto che i composti chimici prodotti dai batteri intestinali regolano l’accumulo di grasso addominale”, ha spiegato la studiosa, “Inoltre abbiamo scoperto che le attività dei nostri microbi intestinali sono solo minimamente controllate da fattori ereditari. Per oltre l’80% dipendono da fattori modificabili, per lo più dalla dieta”.

Naturalmente la ricerca non fa che confermare la necessità di una dieta adeguata. La novità sta però nella possibilità di influenzare la flora batterica, oltre che nella totale soggettività delle possibili diete.

Ogni soggetto infatti ha una sua particolare predisposizione e la flora batterica che gli appartiene va a determinare la corretta assimilazione delle sostanze nutritive e l’eventuale sviluppo di grasso in eccesso.

Attività fisica e dieta equilibrata rimangono elementi fondamentali se abbiamo intensione di vivere in salute e buttare giù qualche tipo, i risultati di questo studio, sicuramente però faranno presto vedere i loro frutti.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here