CONDIVIDI
Giulia De Lellis Martani pelliccia pellicce

Una polemica social che potrebbe finire in tribunale quella tra Daniela Martani e Giulia De Lellis.

La Martani ha infatti dato addosso a Giulia De Lellis accusandola di indossare pellicce e in questo modo di “promuovere la crudeltà sugli animali”.

Alla fine, per spiegarsi meglio le ha dato della”peracottara arricchita“:

“Continua a promuovere la crudeltà sugli animali postando continuamente foto sul suo Instagram di lei in pelliccia. Qualcuno le dica che indossare pellicce nel 2019 è da peracottare arricchite. Siccome, però, il suo quoziente di intelligenza è pari allo zero, ancora non ha capito che per fare pellicce vengono massacrati milioni e milioni di animali. Oppure l’ha capito ma è talmente cattiva e priva di qualsiasi sentimento e empatia nei confronti di altri esseri viventi che non gliene frega proprio un caz**”.

Parla chiaro la Martani che vede nelle foto in pelliccia un cattivo gusto, e soprattutto un’influenza sbagliata verso un prodotto che è l’antipodo del buon gusto e necessita una serie di violenze sugli animali che si speravano ormai superate.

Giulia De Lellis si sarebbe offesa, l’ex gieffina avrebbe addirittura minacciato di portare la Martani in tribunale.

Ma ecco la pronta risposta:

“La povera Giulia De Lellis si è offesa per quello che le ho detto, capite? Non è che si è dispiaciuta per il fatto di aver indossato pellicce di animali scuoiati in modo brutale. No, lei si è offesa a morte per quello che le ho detto io. E mi ha anche minacciato dicendomi che ci vedremo presto, probabilmente in tribunale. Io non vedo l’ora a questo punto. Visto che ha minacciato di denunciarmi io porterò la battaglia in tribunale, affinché le pellicce vengano considerate fuori legge. Sarà una battaglia storica”.

Una che sa il fatto suo Daniela Martani che sembra non aver paura di niente e si dice anzi pronta a far diventare il tutto un caso nazionale.

Vedremo come andrà a finire, di certo Daniela Martani crede fermamente nei suoi valori e nelle sue parole.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here