CONDIVIDI

I capelli danneggiati preoccupano diverse donne, anche perché sono difficili da trattare, difficili da pettinare e soprattutto si nota che sono rovinati. Nonostante questo si possono cercare di limitare i danni sia cercare di eliminarli tramite rimedi naturali. Questi sono molto più vantaggiosi di quelli composti da sostanze chimiche, in quanto privi di controindicazioni. Oltre a questo sono anche più facilmente applicabili.

 

Capelli danneggiati: quali sono i rimedi naturali

 

I capelli danneggiati costituiscono un problema, soprattutto quando non si sa come porvi rimedio. In realtà esistono tante soluzioni, come ad esempio oli naturali che si possono acquistare in qualsiasi erboristeria. Si può scegliere il giusto elemento in base al tipo di danno che la capigliatura ha subìto. Certamente, è sempre meglio rivolgersi ad un esperto del settore, in particolare nel caso i danni fossero gravi. Se però si tratta solo di avere i capelli secchi o bruciati, la prima cosa da fare è puntare su una corretta idratazione. Bere tanta acqua può essere infatti la prima soluzione da adottare, insieme a diversi impacchi di olio di cocco oppure olio di jojoba. Questi oli possono essere spalmati sui capelli almeno due volte alla settimana, sia prima dello shampoo, sia dopo. Questi appena citati però non sono gli unici rimedi da poter utilizzare.

 

Gli altri rimedi

 

I rimedi precedentemente citati possono essere usati sia nel caso di capelli secchi sia nel caso siano presenti doppie punte o se si dovessero avere problemi ad allisciare la chioma. Oltre a questo però, nel caso di cute grassa e capelli che appaiono sempre danneggiati dall’eccessivo sebo, si può puntare anche sull’olio di noce o anche su rimedi a base di menta fresca. Ci sono poi diversi impacchi “fai da te” utili per donare una nuova luce ai capelli opachi: si tratta di impacchi a base di uovo o di camomilla. C’è addirittura chi vi aggiunge la maionese e tiene l’impacco per una buona mezz’ora, poi risciacqua abbondantemente. L’importante è puntare sempre sui rimedi naturali, possibilmente su quelli acquistati in erboristeria, perché privi di sostanze chimiche.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here