CONDIVIDI

Lady Gaga non smette di far parlare di sè. Proprio nei giorni in cui rivela di essere stata sull’orlo della bancarotta (nel 2009, dopo il primo tiepido successo), Lady Germanotta ne ha combinata una delle sue durante l’esibizione al South by SouthWest Festival, in cui si è letteralmente fatta vomitare addosso una sostanza verde (e dopo, una nera) dall’artista Millie Allen.

Quello che doveva essere un estremo gesto contro un fenomeno sempre presente nella società attuale, come la bulimia, si è trasformato rapidamente nell’ennesimo episodio in cui la cantante di Poker Face ha ostentato la propria (proverbiale) eccentricità. Non si sono fatte attendere in proposito le dure parole di Demi Lovato, ex tv-star marchiata Disney e attuale giudice di X-Factor USA, la quale accusa Lady Gaga di sfruttare una drammatica realtà sociale per spettacolarizzare il proprio show.

Questo il suo tweet di biasimo: «Sad… As if we didn’t have enough people glamorizing eat disorders already. Bottom line, it’s not “cool” or “artsy” at all.» (Triste…come se non avessimo già abbastanza gente che vuole rendere glamour i disordini alimentari. La morale è che non è per nulla “fico” o “artistico”).

Puntuale anche la risposta dell’artista newyorkese, che difende la propria scelta, cercando di sminuirne la portata sociale: «Non sto dicendo che l’atto di vomitare cambierà il mondo. Voglio solo sottolineare l’idea di un momento in cui in scena c’era soltanto quello che noi (lei e Millie Allen, ndr) volevamo creare e il rispetto che nutriamo l’una verso l’altra ha fatto sì che valesse la pena dar luogo a questa esibizione.»

Alle parole di Gaga si aggiungono quelle dell’altra protagonista dell’episodio, Millie Brown: «C’è una bella differenza tra l’utilizzo del mio corpo per creare qualcosa di bello, per esprimermi e sentirmi potente, piuttosto che usarlo per punire me stessa e adeguarmi agli standard della società.»

Qui intanto il gesto della discordia.

http://www.youtube.com/watch?v=K5ZnHssq4Fs

UN COMMENTO

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here