vanna Marchi


Vanna Marchi e la figlia , Stefania Nobile hanno dato conferma sul settimanale Chi, della loro partecipazione all’isola dei famosi spiegando anche perché hanno accettato di vivere questa nuova esperienza.
“Sogno di restituire la dignità a mia madre” sono queste le parole di Stefania riportate dalla rivista, che inoltre aggiunge “mi fa troppo male”.

Stefania vorrebbe che la madre non fosse più ricordata come la “regina delle truffe”. Sembra quindi questo un motivo di rivalsa ,” alcuni criticheranno la nostra scelta ma noi abbiamo sbagliato e pagato tutto quello che c’era da pagare”. La stessa Vanna Marchi aggiunge di vivere di pensione che arriva a stento a 500 euro mensili, di aver chiesto aiuto per poter lavorare ma di essere stata poi rifiutata a causa della sua “fama”.

Vanna Marchi è divenuta celebre per aver lanciato a livello nazionale il modus commerciale della cosiddetta televendita ,con un suo stile urlato inconfondibile da sempre parodiato. Negli ultimi anni della sua carriera, nel 2009, è stata accusata con sua figlia Stefania Nobile, per truffa su prodotti ritenuti fraudolenti.

Dopo una serie di processi, in via definitiva condannata a quasi dieci anni di reclusione per bancarotta fraudolenta, per truffa aggravata e associazione per delinquere finalizzata alla truffa. Ma tutto cio sembra solo un lontano ricordo per madre e figlia che ritornano in TV in veste di “vip” e naufraghe del programma condotto anche quest’anno dalla bella Alessia Marcuzzi.

Il servizio di striscia la notizia, attraverso delle interviste a dei passanti del centro di Milano, ha dimostrato lo sdegno di alcuni che hanno criticato severamente la scelta di Mediaset di dare spazio ancora una volta alle due donne.

Vanna e la figlia conclucono l’intervista ironicamnte, rivelando il loro motto che non sarà piu “d’accordo?” utilizzato durante le televendite, ma “Adosss” che vuol dire rivincita, la partecipazione all? isola riuscirà in qualche modo a riscattare la loro immagine?… a voi l’ardua sentenza!

Ti Potrebbe Interessare Anche:

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO